L’impatto dell’IA nell’educazione: una visione basata sui diritti umani

In un’epoca in cui l’intelligenza artificiale (IA) sta rivoluzionando numerosi settori, l’educazione emerge come un campo fertile per l’innovazione. Tuttavia, l’integrazione dell’IA nel contesto educativo solleva questioni critiche riguardo il rispetto e la promozione dei diritti umani, tematiche al centro di una recente iniziativa delle Nazioni Unite1.

Perché l’etica e l’IA vanno a braccetto?

L’uso etico dell’IA nell’educazione non è solo una questione di efficacia tecnologica, ma anche di giustizia ed equità. Assicurare che l’IA favorisca il diritto all’istruzione senza accentuare le disuguaglianze esistenti è fondamentale per un futuro sostenibile e inclusivo.

Questo tema è al centro dell’ultima iniziativa del Relatore Speciale delle Nazioni Unite, che invita a contribuire con idee e progetti per garantire che l’uso dell’IA nell’educazione serva veramente l’avanzamento del diritto all’istruzione.

Il nostro contributo

CASCO Learning si dedica allo sviluppo di percorsi formativi che preparano le comunità educative a utilizzare l’IA in modo responsabile. Ogni giorno insegnamo a docenti ed educatori come implementare tecnologie avanzate per arricchire l’esperienza didattica, rispettando sempre l’integrità e i diritti degli studenti, come ad esempio la loro privacy.

Riteniamo importante la partecipazione all’iniziativa delle Nazioni Unite e contribuiremo con idee, progetti o ricerche che esplorino come l’IA può servire il diritto all’educazione. È un’opportunità per influenzare positivamente l’uso dell’IA nel settore educativo a livello globale.

Cosa chiede l’ONU?

L’Organizzazione delle Nazioni Unite sollecita contributi che forniscano evidenze concrete sull’impatto degli strumenti e dei sistemi di intelligenza artificiale (IA) su studenti e insegnanti, nonché sui sistemi educativi in generale. Queste evidenze dovrebbero riflettere sia gli impatti positivi che negativi dell’IA e spiegare come tali impatti vengano monitorati.

L’ONU è particolarmente interessata a comprendere come l’IA influenzi diversi aspetti dell’educazione, tra cui:

  • L’accesso all’istruzione per le persone con esigenze speciali di apprendimento, per gli apprendenti provenienti da diversi contesti linguistici e culturali, e per le donne e le ragazze.
  • L’effetto dell’IA sull’interazione umana tra insegnanti e studenti.
  • L’incidenza dell’IA sui diritti umani degli studenti e degli insegnanti, sulla loro privacy, sicurezza, impegno, autonomia e pensiero critico.
  • La perpetuazione di stereotipi e disuguaglianze attraverso l’uso dell’IA.
  • L’esposizione a informazioni o disinformazioni che l’IA potrebbe facilitare.
  • L’impiego dell’IA nella valutazione dell’apprendimento e nella gestione dell’educazione.

Questo approccio multidimensionale mira a raccogliere insight vitali che possono guidare lo sviluppo responsabile delle tecnologie educative e garantire che il progresso tecnologico favorisca un’educazione inclusiva ed equa per tutti.

Contribuisci a un impatto responsabile dell’IA

Così come il nostro, anche il tuo input è essenziale per garantire che l’innovazione tecnologica vada di pari passo con i diritti umani. In fondo, rappresenta anche un’opportunità per riflettere su questi argomenti. 

Unisciti all’iniziativa e aiutaci a modellare un futuro educativo che rispetti e valorizzi ogni individuo.

Link

  1. ohchr.org – Call for contributions: artificial intelligence in education and its human rights
ARTICOLO DI
CONDIVIDI
DI COSA STIAMO PARLANDO
ISBN: -
WEB INDEX: -
ARTICOLI CORRELATI
L'opera d'arte nell'epoca dell'intelligenza artificiale: riconsiderare il significato dell'arte. Rileggere il ruolo e il senso dell'arte ripartendo da Walter Benjamin. Parma360festival, creatività e AI: come il prompt si sostituisce al pennello.
Esperienze didattiche e riflessioni collegate al concetto di scuola democratica, didattica democratica, e analisi delle potenzialità connesse all’utilizzo dell’intelligenza artificiale.
Piano Estate 2023-25: un salto verso l'integrazione scuola-territorio? Note attorno al Piano Estate 2023-25 del Ministero dell’Istruzione e del Merito; risorse e modalità per le scuole primarie e secondarie nel decreto del Ministro Valditara.